torna su
trasparenza

Accordo per la sospensione del credito alle famiglie – 2015

Lo scorso 31 marzo l’ABI e le Associazioni dei Consumatori hanno sottoscritto un nuovo accordo nell’intento di ampliare le misure di sostegno alle famiglie in difficoltà attraverso la sospensione della quota capitale dei finanziamenti a medio e lungo termine.

Le caratteristiche principali dell’intervento disciplinato dall’Accordo sono le seguenti:

Sospensione: sospensione  della sola quota capitale del finanziamento per una durata non superiore a 12 mesi, su richiesta dell’intestatario dello stesso, per una sola volta, da presentarsi entro il 31 dicembre 2017 al verificarsi di uno evento. Nel caso i soggetti abbiano già usufruito di una sospensione del finanziamento per iniziative di Legge, Accordi con le Associazioni dei Consumatori o per autoregolamentazione, è possibile richiedere la sospensione fino al raggiungimento di 12 mesi complessivi, purchè siano trascorsi almeno due anni dall’avvio dell’ultima sospensione richiesta per il medesimo mutuo/finanziamento. Nel periodo di sospensione sono ricomprese anche le eventuali rate scadute e non pagate fino ad un massimo di 90 giorni precedenti alla data di richiesta di sospensione;

Quota interessi: la quota interessi,  calcolata al tasso contrattuale sul debito residuo (inteso come la parte di debito in termini di quota capitale complessiva erogata dalla banca al netto di quanto rimborsato), determinato al momento della sospensione, viene rimborsata alle scadenze originarie. La sospensione non determina l’applicazione di commissioni e/o interessi di mora per il periodo di sospensione tranne qualora l’intestatario del mutuo o del finanziamento non adempia al pagamento della quota interessi alle scadenze originarie. Durante il periodo di sospensione restano ferme e valide le clausole di risoluzione e/o decadenza dal beneficio del termine previste nel contratto di mutuo o finanziamento;

Periodo di sospensione: durante il periodo di sospensione il cliente ha facoltà in qualsiasi momento di richiedere il riavvio del piano di ammortamento. In tal caso non è più possibile richiedere la ripresa della sospensione per eventuali periodi residui. La ripresa del piano di ammortamento avviene al termine del periodo di sospensione con il corrispondente allungamento del piano di ammortamento per una durata pari al periodo di sospensione.

Il Banco Popolare, in 26 maggio 2015 ha aderito all’ “Accordo ABI – Associazione dei Consumatori per la sospensione della quota capitale del credito alle famiglie” mentre, con decorrenza 31 maggio 2015, il nuovo accordo è da considerarsi operativo. Il modulo di adesione è disponibile, per la clientela interessata, sul sito internet www.bancopopolare.it .

Scarica il modulo di richiesta