torna su
trasparenza

Banca Popolare di Lodi

BancaPopolareDiLodi_IMG-01

Nel 1864 nasce, a Lodi, la prima Banca Popolare come risposta alle esigenze di espansione produttiva di artigiani e commercianti e veicolo per una crescita sociale e morale del territorio. E’ datata 1869 la prima apertura di agenzia a Casalpusterlengo, cui ne seguono numerose altre in aree limitrofe e incoraggiano gli investimenti a favore dell’economia locale. Agli inizi del ‘900 l’Istituto è già un riferimento importante per il territorio: concorre allo sviluppo di commercio e industria e partecipa a iniziative di pubblica utilità. Alla fine degli anni Ottanta la Banca ha complessivamente 110 sportelli in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Piemonte.
Dal 1982 inizia la crescita per linee esterne con acquisizioni importanti in Lombardia,Toscana, Sicilia.
Nel 1998 viene quotata alla Borsa Italiana e in seguito diventa polo aggregante, su modello federale, di casse di risparmio e banche popolari fortemente radicate al territorio di appartenenza in tutta la penisola, acquisendo anche ICCRI e Efibanca, trasformandosi nel 2005 in Banca Popolare Italiana.
Il 1° luglio 2007, dopo la fusione con il Banco Popolare di Verona e Novara, l’Istituto lombardo ha dato vita al Gruppo Banco Popolare, riacquisendo contestualmente la denominazione storica di Banca Popolare di Lodi. Da fine 2011 Banca Popolare di Lodi è l’insegna che caratterizza la presenza del Banco Popolare in parte della Lombardia, dell’Emilia Romagna e in altre importanti zone del Paese.

www.poplodi.it

Galleria fotografica

Banca Popolare di Lodi Banca Popolare di Lodi Banca Popolare di Lodi